Boris

Il mio cane si chiama Boris, lo sanno tutti ma lo dico, che visto che è un po’ che non scrivevo magari la gente se ne è dimenticata, ma comunque, il mio cane Boris, che è un cane buonissimo e tenerissimo e se fosse per lui starebbe tutto il giorno a leccarmi il naso, quando preparo l’immondizia per portarla giù, due volte la settimana, per la raccolta porta a porta, lui si agita moltissimo, comincia a mugolare, e poi dopo un po’ non tiene più l’ansia, e si mette ad abbaiare. Mi ricorda un po’ il primo racconto pubblicato di Philip K. Dick, che si chiama Roog, che si trova nella raccolta Le presenze invisibili vol. 1, che è un racconto scritto dal punto di vista di un cane che vede che i suoi padroni le cose più buone e profumate che ci son in casa le mettono dentro dei tabernacoli, e poi ogni tanto arrivano degli alieni e raccolgono questi tabernacoli e si portano via i preziosissimi doni che i padroni ci han messo dentro, e lui si arrabbia moltissimo contro questi alieni, gli abbaia, insegue la loro navicella, vorrebbe lottare contro questi tizi che pare che pretendano come obolo dai suoi padroni quelle prelibatezze che più buone in casa non ci sono. Poi dopo si capisce che questi alieni non son veramente alieni, porca miseria sto raccontando il finale anche qui, ma son gli uomini che raccolgono la spazzatura, e che fanno il loro lavoro, povere stelle. E niente, il mio cane ha preso questo comportamento qui, non so come mai, ma sarà per il fatto che il cane del racconto di Dick si chiama Boris, ed è una delle ragioni per cui lo abbiamo chiamato Boris. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *