Requiem

Ieri sera una mia amica, Marta si chiama, ha chiesto se preferivamo il Requiem di Mozart o quello di Verdi, e a me m’è venuto in mente che il film di Mozart l’ho visto mentre quello di Verdi no, quindi è un po’ un confronto impari, perché il film di Mozart era bello, e si vedeva che Mozart stava scrivendo il Requiem mentre moriva, e la potenza della musica cresceva mentre lui moriva sempre di più. Che poi non so se ha senso morire un pochino poi un po’ di più poi un po’ di più, cioè, uno o muore o non muore, non è che si muore a metà. In ogni caso poi lui muore. Oddio forse se qualcuno non l’ha visto forse gli ho appena rovinato il film (scusate). Comunque capisci che se Verdi non muore scrivendolo non è che può avere lo stesso pathos di quello di Mozart, non è che uno può scrivere un requiem in una Jacuzzi piena di belle fie, cioè ci va il contesto, se uno scrive un requiem mentre muore come fai a batterlo, scrivere un requiem mentre muori è la coolness fatta persona. Comunque Verdi poi dopo è morto anche lui.

Tra l’altro mia moglie una volta mi ha portato a vedere Die Entführung aus dem Serail, K 384, di Mozart, che è un’opera in tre atti in tedesco, lingua della quale non so niente salvo la parola Schadenfreude

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *