Il mare a Cuneo

Uno dice che il giorno prima è stato al mare, che il giorno prima, al mare, c’era una temperatura fantastica, e quando un altro gli dice che anche a Cuneo il giorno prima si stava piuttosto bene lui dice che Cuneo ha tutto, che a Cuneo manca solo il mare, che se Cuneo avesse il mare, non avremmo bisogno di andare al mare per andare al mare. Allora l’altro tira fuori un taccuino e dice Mi scusi, ma questa me la devo proprio segnare.

13 pensieri su “Il mare a Cuneo

  1. Mi domando e dico: come si fa a non capire che se Cuneo fosse una città di mare, come tantissime altre citta di mare normali, Cuneo, senza ombra di dubbio, sarebbe una città di mare con tutti gli annessi e connessi, compresi gli ombrelloni e i cavalloni e i bambini con palette e secchiello.

    dio bono come si fa a non capirlo, è davvero un mistero. comunque propongo una petizione popolare e perchè no un referendum per la venuta, compresi gli scogli,del mare a Cuneo. Ecco, mi sono esposto, adesso tocca a voi esporvi al sole delle spiagge degli stabilimenti balneari di Cuneo.

    Transit Medina
    Sponde del Mediterraneo

  2. Vedo con piacere che il nuovo anno ti ha restituito al blog (e a noi). Io, comunque, a Cuneo non ci sono mai stata ma forse, se ci fosse il mare, ci andrei quasi.

  3. Che poi dipende dal mare. Per dire, Roma ce l’ha il mare, ma non è che senza mare era brutta, non gli serviva un granché, invece niente, con l’ingordigia che ha si è presa il primo mare che capitava al discount, senza badare alla marca, e così si ritrova un mare che fa sembrare Roma meno bella di quello che è in realtà.
    Secondo me se Cuneo compilasse una richiesta formulata bene con tutti i crismi e senza refusi, Roma glielo cederebbe.

  4. I torinesi di un tempo avevano depositato un marchio di fabbrica per riconoscere, senza ombra di dubbio, un abitante di Cuneo: le luci accese di giorno! Ecco, bastava vedere accesa qualche lampadina nelle ore diurne nelle abitazioni o in macchina, per far esclamare: “Chiel lì a l’è propi ‘d Cuni”! Una bollatura di eccentricità, di distinzione tra un sabaudo e un langarolo abbastanza evidente! Poi il tempo ha compiuto la sua vendetta: un ministro, non di Cuneo, anche se le ascendenze sono sempre incerte (ahah) un bel giorno decide di far promulgare in legge l’obbligo di tenere le luci accese, in macchina, anche di giorno! E, allora, da quel momento, siamo diventati, se non cuneesi, sicuramente tutti eccentrici!!!!

  5. come tutti sanno Cuneo è fatta a cuneo ed è costeggiata da due fiumi, il Gesso e la Stura. molti anni fa d’estate si andava a spiaggia a Gesso e d’inverno a sciare a Stura al cosidetto campidoglio. adesso invece Viareggio o Cortina.

  6. Milano è piatta e allora la grandeur dei meneghini ha fatto sì che spuntasse una montagna (di rifiuti) chiamata, con fantasia, la Montagnola e da lì, con un potente binocolo, possono guardare Milano marittima!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *