sali e t’abbacchi

Ciai presente que l’occhio che sta per cecasse? Mbè, prima, vedeva puro li peletti a le foje.
E ll’orecchia che sta p’assordisse, prima sentiva insino l’ale de un moschino.
La bocca poi che non cià quasi più li sapori, prima era capace insino de distingue l’acqua de fonte una da n’antra.
E er naso pure, che se fa insensibbile, prima sentiva sia er bruscato che er rancico.
Quer corpo tuo che te cascheno li pezzi, prima, te l’aricordi?, correva appresso a li commodi e a ll’oggi. E quer còre tuo, ch’è lì llì pe perde la strada, prima addirittura scejeva l’annatura, navorta era er sì e na vorta doppo er no…
Te lo dico io! Pare jella ma è proprio accossì! Abbasta che le cose ariveno a la cima e subbito je principia er capitommolo, e senz’indifesa arcuna!

paolo morelli, er ciuanghezzù, nottetempo 2004

2 pensieri su “sali e t’abbacchi

  1. anche se per leggere devo mettere gli occhiali e qualche volta sono persino contenta di non sentire, o di non capire tutto, voglio ancora “salire”…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *