Il mondo è un ipertesto fatto di fiori

Le parole portano a altre parole, e ogni volta che penso una parola, per scriverla, per dirla, o anche solo per pensarla, ogni volta che penso una parola, mi si apre un fiore, un fiore di parole che da una parola porta a mille altre, e io, pensata una parola, ne scelgo un’altra, che sta su un petalo del fiore, e dopo che l’ho scelta, mi si apre un altro fiore, con altre mille parole, e il comporre un testo, sulla carta, nell’aria, o anche solo nella testa, è il scegliere un percorso particolare di fiori e di click su fiori, tra una parola, che diventa un fiore, a un’altra parola, che diventa un fiore, a un’altra parola, a un’altra parola, e il mondo è un’ipertesto, e io lo clicco.

12 pensieri su “Il mondo è un ipertesto fatto di fiori

  1. e tutto SBOCCIA eppoi le PAROLE spetalano e quello CHE rimane è IMPROFUMO. A meno CHE non è pianta CARNIVORA e allora sono CAZZI, mago. ciao da eNZO

  2. Mi sono commossa; poi mi sono venuti in mente posti in cui le parole son tutto fuorché fiori e mi sono intristita. Poi, visto che c’è il sole e ho letto primavera, qui da qualche parte, mi sono ripresa.

  3. Il pezzo è interamente plagiato! L’ho già letto anni fa in Biblioteca: esagono 4354234, scaffale 23, 32esimo libro. Autore: un certo Sfojsdd Egodkfgj…

  4. Si dai, per fare un tavolo ci vuole un fiore, e il seme, e il frutto e il fiore del fiore del mais 🙂 E il circolo ermeneutico della conoscenza di Heidegger 😐
    Jovanotti chi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *