Come riconoscere un fascista

C’è uno in piedi che con un bastone sta picchiando un altro, per terra, inerme. L’essere umano normale che passa di lì cercherà di fermarlo in qualche modo, anche solo chiamando gente, anche solo a parole.
Il fascista, invece, vorrà picchiarlo anche lui.

35 pensieri su “Come riconoscere un fascista

  1. è difficile, ché in linea di principio dovrebbe difendere il più debole come tutti gli altri, ma poi i comunisti son un po’ come i cristiani, che c’è chi è un essere umano normale, chi è indifferente, e chi poi alla fine picchia anche lui.

  2. Fascista è anche colui che dice: “Io non sono fascista e neanche razzista, ma quando vedo i NEGRI per strada che disturbano le persone con le loro cianfrusaglie invece di trovare un lavoro vorrei tanto che arrivasse la polizia per picchiarli a sangue.”

  3. Oh cara,
    oh caro,
    oh cari noi tutti,
    muniamoci dello scolapasta,
    buttiamoci dentro le penne cotte al dente,
    che andata via l’acqua tra buchetti rimarrà il meglio;
    il meglio più meglio e non avremo da dire nulla. E taceremo.

    Cresce dove si annida il meglio; io sono meglio di te; il mio bambino è meglio del tuo; la mia casa è meglio della tua ; il mio territorio, lo dice l’aggettivo stesso, è il mio territorio; i miei valori sono meglio dei tuoi; il meglio delle grandi ville a confronto degli appartamenti popolari o acquistati col mutuo sono meglio; la mia ferocia è meglio della tua di ferocia; il meglio dei palazzi; il meglio dei grattacieli; il meglio dei ricchi sono i nostri ricchi; il meglio dell’odio è il nostro odio;il meglio denaro investito in borsa speculando in giacca e cravatta e rasati e profumati è meglio della macelleria camorra dei vicoli; il meglio della mia religione è meglio della tua; il mio Dio è più sanguinario del tuo; il mio Dio m’impedisce di affratellarmi è meglio del tuo; il meglio di uno stampo che l’ingiustizia e l’egoismo e l’assenza di umanità se ne fa sempre a palate; il meglio capo che chiama a sé; il meglio sopra la vita di miseria e ristrettezze dei lavoratori sempre undici piani sotto; il meglio Buongiorno e Buonasera di una grande educazione è nell’importanza, quando ci s’incontra, dirsi Buongiorno e Buona sera cazzo! Altrimenti se uno nemmeno si saluta che sembra che siamo tutti nemici delle buone maniere e della buona educazione vanno a farsi benedire; il meglio dei nostri rampolli che i figli dei lavoratori nientemeno vanno all’università; il meglio di un idraulico che a trovarne uno è ormai impossibile; il meglio della ricchezza che il peggio della miseria e la fame di questa mano d’opera che cada pure da tutti i piani e gli alto forni e i ponteggi e i viadotti sfracellandosi; il meglio dei sentimenti e il meglio delle loro lacrime preziose; il meglio dei loro amori meravigliosi che anche i ricchi piangono sapeste quanto ce ne fotte che ccà tenimmo ‘e cazzi ca c’abballano ‘ncapa; il meglio per me e non per la massa tanto volgare, prosaica e baccalaiola; il meglio delle due punte estreme chi si congiungono e gridano Accerimmo i giacubini d’a rivoluzione del 1799, W il Re e la Regina e W il Duce e il Padreterno;il meglio di Nostro Signore Iddio; il meglio di guerra di tante guerre; il meglio che io sono meglio di te fino nel buco del culo del dna del sangue che pulsa: il meglio dei meglio posti di tutti i posti di lavoro; il meglio che c’è da prendere e arraffare e pianificare; il meglio da distruggere in nome della civiltà; fottersi il meglio da sottrarre alla natura;il meglio pregare e il meglio sopra ogni cosa; anche se vestiti-travestiti come gli studenti del Movimento a Piazza Navona camion, spranghe di ferro, paletti tricolori e facce e sangue feroce de: che io-noi camerati siamo meglio di voi tutti, animali che manifestate: manifestate contro il nostro capo contro il nostro meglio governo il nostro meglio esercito la nostra meglio polizia che ci difende dalle vostre vili aggressioni e assassinii che la polizia guarda ma prima di guardare apre e lascia passare il camion o comunque della complicità perchè la meglio polizia che porta alta la fronte della patria e dell’onore. Che la carne alla patria lo hanno sempre depredato e preteso dalla carne da macello che il capo disse Crescete e moltiplicatevi che la patria ha bisogno delle vostre braccia delle vostre gambe e dei vostri culi di scimmie, animali.

    Un comunista si riconosce subito: puzza(tu spuzza o no puzza? Insomma, quella pubblicità lì con clooney). Di fatica e sudore,(una vecchia idea il puzzo,la fatica e il sudore?e il mazzo tanto?) precariato e disoccupazione, di risate e innamoramenti sfigati. Poi, si scoccia. E si sposa. Però puzza sempre. Che paradossalmente i comunisti divorziano meno dei cattolici che in genere i comunisti ma forse pure gli anarchici, una volta, la prima volta della loro vita, erano cattolici e poi quando ha sentito che il parroco diceva Adesso, arrivati a questo punto della discussione dell’esistenza di Dio, questione è O ci credi o non ci credi. Allora i cattolici che non erano ancora socialisti, comunisti e anarchici(e dei gruppi extraparlamentari)e che si sentivano nella titubanza del dubbio amletico, si sono alzati, anche se era già all’in piedi, e se ne sono andati che già si chiedevano Sono cattolico o le altre cose?

  4. Sembra normale, quasi amichevol-scherzoso nel mondo di adesso, che il mondo di adesso si fregia di essere moderno.
    Poi ti accorgi che ‘sta chin’e(pieno)di cazzimma. Tu pensi che è una cazzima finale invece è l’inizio, cioè tutto un mondo dell’antica roma, del ’15-’18, della seonda guerra mondiale, del dopo e del post e tutto quanto fino a oggi, uguale.

  5. Puoi anche far squillare il cellulare al ragazzo e se cè Faccetta Nera allora risulaterà fascista…se cè Bella Ciao comunista… Ora il problema è ottenere preventivamente il numero di cellulare per il riconoscimento…ma mica posso rosplverli tutti io i problemi…

    CIao
    Miki

  6. Grandejach,
    caro amico mio.

    Il vento spira e soffia libero.
    E la verità corre di bocca in bocca.
    Ella non si fermarà nè ora nè mai.
    La verità è spinta dal mare.
    L’amore è il dolre che urla.
    Massacrato germoglierà al buio.
    I puri di cuore squarceranno le tenebre.
    Ci saranno milioni di angeli stermnatori.
    Ali di vita si apriranno in voli di uccelli.
    Sradicando l’egoismo mortale del più forte.

    Oh Grandejack,
    la poesia è cuore di natura e vita che batte.

  7. e se oltre al fascista che si unisce all’uomo che picchia, passa di lì un governo che fa finta di niente e, anzi, accusa l’uomo picchiato. Come si definisce quel governo?

  8. per fare ulteriore chiarezza: quello che picchia è fascista, quello per terra è comunista, quello che guarda è di Forza Italia e quello che si lamenta perché si stanno picchiando ma senza intervenire è del PD…

  9. io sono un comunista e in questo caso andrei li e diffenderei sempre il più debole,non come quei figli di buone madri di fascisti del cazzo che non capiscono una minchia.

  10. mah………io se potessi vi ammazzerei tutti di botte, perchè siete la rovina del mondo.Siete quanto di più meschino, sciatto, plebeo e rozzo si possa immaginare.
    Il degrado dell’umanità. E non mi interessa se siete a terra inermi o in piedi, belli pasciuti, a fare le vostre inutili manifestazioni; io vi bastono lo stesso. potete essere 1000, 10000; non me frega niente.L’importante è dire a tutto il mondo che il comunismo non è altro che un abominio: una orrenda favola raccontata a tanti piccoli scarafaggi per fargli credere che tutti siamo uguali e per nascondere la naturale verità che ci sono uomini migliori di altri e che questi hanno il diritto di primeggiare. Per questo non mi interessa che siate a terra oppure in piedi…potete immaginare cosa me ne frega se quando schiaccio uno scarafaggio quello per dritto o per rovescio!!!

  11. ..e prima o poi uno più forte di te arriva e siccome sarà di certo più intelligente di te c’è il rischio (ahimè) che possa anche non bastonarti e questo mi intristisce perchè quelli come te meritano la fine degli escrementi degli scarafaggi

  12. Penso che ognuno di noi debba essere libero di pensarla come vuole… Si’ al dibattito, senza alzare la voce… ma se uno dei due offende l’altro senza motivo,allora chi è offeso puo’ attuare il piano B ” aprire il culo all’avversario!”… purtroppo l’ignoranza ci porta a compiere gesti di questo tipo, perchè le persone cresciute allo stato brado credono di poter far dominare la propria idea sugli altri… Io sono fascista… ma non sto qua a dire ” ne sono fiera o frasi di questo tipo…” perche’ saebbe segno di forte ignoranza… dobbiamo tenerci le nostre idee e parlarne da persone civili..ma teniamo presente che non si arrivera’ mai ad un accordo…
    Il rispetto è una costante fondamentale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *