un blog che parla di niente

Avanti

Certe volte mi capita di scrivere la parola avanti e di scrivere invece a vanti, così, a vanti, con lo spazio, che non vuol dir niente, però mi capita di voler scrivere avanti, e mi esce fuori a vanti.

Che uno poi, con questi problemi, come vuoi che gli venga voglia ancora di scrivere, se gli escono questi errori automatici anche nelle parole semplici come avanti.

Però ti dici ricominciamo, dai ricominciamo, è ora di ricominciare, è tanto che non scrivi, sarebbe bello che tu ricominciassi a scrivere, che era una cosa che ti dava tanta gioia, era una cosa che, anche una giornata che era andata del tutto storta, se avevi scritto qualcosa, una qualsiasi cosa, ti sembrava una giornata bella, e allora sì, dai, riproviamoci, riproviamo a scrivere, ricominciamo, andiamo avanti.

E in effetti stavolta l’ho scritto giusto alla prima.

12 Comments

  1. Michele

    🙂 da quanto!

  2. Alessandro

    vero eh!

  3. marcella

    🙂

  4. Lia

    Yeahhh!

  5. Mortimer Potts

    Guardi, ancora cinquant’anni fa c’era addirittura chi scriveva a dirittura al posto di addirittura, quindi se vuole andare a vanti, vada pure, basta che vada.

  6. giavasan

    Meglio a vanti che in dietro. E’ un piacere tornare a leggerti.

    • Alessandro

      Che gioia che c’è ancora qualcuno che passa di qua! Pensavo di no! 🙂

  7. Filippo Corti

    Spero duri. Bentornato 🙂

  8. chiaratiz

    ho appena riesumato il reader. Bentornato

  9. Alessandro

    grazie grazie, bentornati anche a voi 🙂

  10. Bernhard T.

    Bentornato,
    sarà lo spirito dei tempi, tu e un altro che aveva smesso di scrivere siete tornati.
    Son proprio contento.

    • Alessandro

      Siamo anziani, siamo affezionati alle tecnologie obsolete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2022 e io che mi pensavo

Theme by Anders NorenUp ↑